Operatori della Moda Italiana 2016 – 2018

La moda, sin dal suo etimo, presuppone lo stare al passo coi tempi. Per questo motivo, sebbene esistano diversi brand che resteranno “evergreen” almeno per qualche decennio, tanto sono rinomate ed apprezzate, vi sono tanti altri operatori di settore tra cui stilisti e case di moda italiana che di anno in anno possono emergere o scomparire. Occhio, però, perché lo “scomparire” potrebbe anche essere dovuto ad una fusione o ad una acquisizione, ad esempio, magari per creare delle strutture aziendali più competitive. Nel campo della moda le fusioni e le acquisizioni sono molto frequenti, quasi all’ordine del giorno. Si pensi, ad esempio, a Gucci e Valentino, le cui strutture sono cambiate notevolmente nel corso degli anni di attività.

Case di moda e brand del lusso, top del 2016 – 2018

Tra le migliori maison italiane di moda donna, uomo e accessori vi sono Gucci, Versace, Dolce & Gabbana, Armani, Valentino, Bottega Veneta, Roberto Cavalli, Costume National, Brunello Cucinelli, Etro, Fendi, Salvatore Ferragamo, Prada, Kiton, La Perla, Iceberg, Loro Piana, Marni, Missoni, Moncler, Moschino, Jil Sander, Ermanno Scervino, Trussardi, Tod’s, Richmond, Antonio Marras.

Essendo la moda soprattutto “donna”, menzioniamo alcuni dei principali brand specializzati principalmente nell’abbigliamento donna (e accessori), in ordine alfabetico: Agnona, Luisa Beccaria, Laura Biagiotti, Blumarine, Chiara Boni La Petite Robe, Alberta Ferretti, Elisabetta Franchi, Giamba, Krizia, Max Mara, Miu Miu, Philosophy, Emilio Pucci, Simonetta Ravizza.

Per par condicio, passiamo all’uomo, citando Brioni, Canali, Caruso, Corneliani, Lardini, MP Massimo Piombo, Stefano Ricci, Ermenegildo Zegna, Pal Zileri.

Per quanto riguarda le case di moda italiana specializzate nella produzione di accessori andrebbero menzionati, in ordine alfabetico, Aquazzura, Baldinini, Ballin, Bontoni, Bruno Bordese, Roberto Botticelli, Rene Caovilla, Casadei, Alberto Guardiani, Gianmarco Lorenzi, Loriblu, Bruno Magli, Vic Matié, Moreschi, Alberto Moretti, Cesare Paciotti, Pollini, Fratelli Rossetti, Gianvito Rossi, Sergio Rossi, Santoni, A. Testoni, Giuseppe Zanotti design.

Tra i produttori di borse, valigie e piccola pelletteria menzioniamo, sempre in ordine alfabetico, Bertoni, Borbonese, Braccialini, Coccinelle, Cromia, Fedon, Furla, Gherardini, Mandarina Duck, Piquadro, Serapian, The Bridge, Valextra, Zagliani e Zanellato.

Infine, per quanto riguarda gioielleria e accessori, evidenziamo Damiani, Vhernier, Pomellato, Morellato, Officine Panerai and Bvlgari, Luxottica (proprietaria anche di Ray-Ban e Persol), Marcolin, De Rigo, Safilo.

Nuovi brand e designers, i top del 2016

Ed eccoci alle “nuove menti creative”, sebbene alcuni di loro abbiano già un curriculum con altri grandi brand. Tra loro troviamo: Sara Battaglia, Angelos Bratis, Aquilano Rimondi (con l’esperianza di direttori creativi di Gianfranco Ferré e Fay), Au jour le jour, Cristiano Burani, Paula Cademartori, Gabriele Colangelo, County of Milan (creata da Marcelo Burlon), Marco De Vincenzo, Stella Jean, Damir Doma, Leitmotiv, Atos Lombardini, Angelo Marani, MSGM, N°21 (creata da Alessandro Dell’Acqua), Christian Pellizzari, Andrea Pompilio, Fausto Puglisi (già direttore creativo di Ungaro), San Andres Milano, Francesco Scognamiglio e Alberto Zambelli.